Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Romeo Gestioni - Comunicati Stampa e news

Romeo Gestioni: aggiornamenti e novità

Nov 09 2011 Nov 09 2011

Quello che segue è un resoconto del primo Rapporto sull’Abitare Sociale in Italia presentato a Napoli presso il Real Albergo dei Poveri lo scorso 4 novembre. I dati dell'Osservatorio, costituito su iniziativa del Gruppo Romeo Gestioni, evidenziano una diminuzione del numero di famiglie che vivono in una casa in locazione.

Ricordiamo che nel 2008, secondo l'ISTAT, il 18,9% delle famiglie era in affitto, oggi c'è stato un deflusso di inquilini a reddito elevato e di conseguenza è calato il livello di reddito medio dell'inquilino e la crisi economica colpisce in maggior misura i redditi più bassi. Quindi il welfare della casa deve far fronte a un’emergenza che le politiche basate sulla spesa pubblica non possono risolvere. Oggi, infatti, si stima che siano 900.000 i mutuatari in condizioni di difficoltà a causa delle rate.

L'ABI ha varato a tale proposito un “piano famiglie”, con un fondo di solidarietà gestito da Consap e la possibilità di sospendere per un anno il versamento delle rate dei mutui.

L’Edilizia Residenziale Pubblica, il nodo cruciale di tutti gli interventi, è di dimensioni insufficienti per porre argine alla questione di mancanza degli alloggi, venendo a mancare almeno 200.000 abitazioni perché vendute agli stessi inquilini e perché al contempo un buon numero di case non sono messe in offerta essendo in condizioni fatiscenti. Le richieste si accumulano e, come afferma il Gruppo Romeo Gestioni, sono necessari almeno 7,2 milioni di alloggi in locazione contro gli attuali 4,7 milioni.

L'obiettivo è creare le condizioni affinché i grandi investitori del mondo assicurativo e previdenziale investano in abitazioni, cominciando dalle iniziative che vedono tra i protagonisti la Cassa Depositi e Prestiti con il sistema integrato dei fondi immobiliari etici.

Nov 08 2011 Nov 08 2011

Qual è la situazione attuale in Italia per l’edilizia sociale, pubblica e privata? Per rispondere correttamente a questa domanda servono una serie di informazioni dettagliate, di analisi specifiche e dati aggiornati che finora sono mancati, ponendo la questione irrisolta all’ordine del giorno.

Sorge a questo scopo l’OASIt, Osservatorio sull’Abitare Sociale in Italia, fortemente sostenuto dal Gruppo Romeo Gestioni, azienda leader nel settore dei servizi di gestione immobiliare, che in futuro si trasformerà in Fondazione. Tramite questo strumento sono state effettuate ricerche per stabilire il numero di abitazioni pubbliche disponibili, la loro collocazione, come sono gestite e le loro condizioni strutturali.

Senza una visione complessiva, infatti, non è possibile intervenire per migliorare le condizioni di vita di milioni di persone che hanno diritto ad accedere ad abitazioni di questa tipologia.

Fare comunicazione a livello istituzionale e al contempo promuovere la propria attività è una delle ragioni dell’OASIt, destinato ad avere un’importanza crescente nella società italiana, poiché la questione dell’edilizia sociale non è stata mai affrontata seriamente.

Così il Gruppo Romeo Gestioni, da molti anni attivo nell’ambito dell’abitare sociale, dà il proprio contributo per uno sviluppo moderno, rispettoso del territorio e dell’ambiente, con edifici dignitosi in cui vivere.

Nov 08 2011 Nov 08 2011
Post type Text

Il Gruppo Romeo Gestioni fonda un osservatorio sull'abitare

Pubblicato Nov 08 2011 da Gruppo Romeo Gestioni

In merito alla gestione dei patrimoni immobiliari comunali e istituzionali ci sono diverse problematiche da affrontare, e questo è possibile solo se si conosce nel dettaglio la situazione nazionale: dati, statistiche, progetti e tendenze che solo ricerche adeguate possono fornire.



Per questa ragione il Gruppo Romeo Gestioni, leader europeo nel settore immobiliare, ha voluto ideare l'OASIt, Osservatorio Sociale sull'abitare in Italia, strumento di analisi e promozione di una parte essenziale del welfare.

Il vuoto da colmare di cui si occupa l'Osservatorio è una mancanza di conoscenza riguardo al numero di abitazioni pubbliche esistenti, l'offerta disponibile e una cognizione precisa anche dal lato della domanda. Le esperienze che vanno sotto il nome di Abitare Sociale sono definite dall'Art.1 del DM Infrastrutture del 22 aprile 2008 e la costituzione dell'Osservatorio è stata voluta dal Comitato Strategico di Romeo Gestioni, organismo composto dai professori Gualtiero Tamburini, Renato Mannheimer e Angelo Piazza, che hanno presentato pubblicamente il primo rapporto sull'abitare sociale in Italia lo scorso novembre.

Il monitoraggio sistematico è fondamentale per sapere dove sono collocate le abitazioni pubbliche, di che qualità sono e come vengono adoperate. Inoltre è opportuno individuare non solo le case in locazione, ma anche le altre forme di offerta, come quelle in vendita a prezzo calmierato o quelle gestite da cooperative di settori etici e no-profit.

In tal senso l'OASIt, che presto diventerà Fondazione, è un’emanazione del Comitato scientifico e strategico del Gruppo Romeo Gestioni SPA, che in Italia gestisce oltre 250.000 alloggi di edilizia residenziale pubblica, dunque si presenta con un ruolo privilegiato nell'edilizia sociale, tema sempre attuale e connesso a un obiettivo etico che è doveroso raggiungere.

Pagina successiva